Month: August 2017

Dialogo di coppia da… Oscar! Come avere un dialogo di successo con il partner

Quante volte volevo dire una cosa e il partner ne ha capita un’altra? Quante volte abbiamo litigato per una frase interpretata male? Quante volte siamo stati divorati dal rancore per cose non spiegate? Sicuramente un’infinità di volte perché il problema è che spesso, nella coppia, compiamo purtroppo errori comunicativi che ci costano caro!

Con queste poche righe cercherò di illustrarvi le tecniche per iniziare ad avere un dialogo di successo con il vostro partner che potrete mettere in pratica e migliorare con un pizzico di buona volontà ed esercizio quotidiano. Ecco cosa fare:

1) Fate domande e non illazioni perché vi farete dei ragionamenti falsi in testa che vi porteranno inevitabilmente a giudicare il partner e a farvi guidare da pregiudizi perlopiù negativi nei suoi confronti. Questo non vi porterà da nessuna parte. Fate le domande giuste e date le risposte coerenti con quella domanda, spiegando soprattutto perché si pone quella domanda.

2) Chiedete conferme invece di sputare sentenze cercando di parafrasare le cose dette dal partner in modo da avere la conferma di aver compreso ciò che il partner ci ha comunicato. A volte interpretare male una parola modifica l’intero contenuti del messaggio…

3) Evitare affermazione che iniziano con “TU” giudicante e tipico del rimprovero e iniziare le frasi con “IO” dopo aver pensato a cosa dire perché fiumi di parole dettati dall’istinto possono ferire e dilungare inutilmente una discussione. E’ importante imparare a comunicare i propri sentimenti, emozioni e stati d’animo (“In questo momento mi sento così”) e non giudicare (“Quando fai così mi fai arrabbiare”).

4) Non si deve evitare il conflitto perché questo, se gestito bene, è positivo per la coppia in quanto l’obbiettivo non è vincere o avere ragione ma è trovare un “compromesso stabile” sufficiente a non far litigare di nuovo per lo stesso motivo. Ci si deve chiedere non “Chi ha ragione?” ma “Perché mi comporto così?Agendo diversamente porterò un beneficio alla coppia?”

5) Evitare che l’altro debba interpretare quello che diciamo perché il più delle volte è interpretato male, visto che nessuno riesce ad entrare nella mente di un altro, quindi cerchiamo di dare un messaggio chiaro ed inequivocabile che non rischia in alcun modo di essere frainteso.

6) Infine, non per importanza, sarebbe opportuno non usare parole che svalorizzano il partner, che lo colpevolizzano o lo imbarazzano, non mettere fretta quando l’altro sta parlando e non parlare al suo posto.

Dette così sembrano cose quasi banali ma spesso nelle discussioni con il partner le dimentichiamo quasi tutte rendendo ogni lite una diatriba infinita che finisce con il non essere risolta ma solo messa da parte per ripresentarsi alla prima occasione.

Arrivare ad una buona comunicazione con il proprio partner è frutto di un continuo allenamento e rappresenta una competenza che deve essere acquisita con molta pazienza e costanza e che spesso richiede il ricorso ad un consulente che aiuta la coppia ad intraprendere il percorso per apprendere come comunicare in modo sano e costruttivo.

La cosa da non dimenticare è che ciò che diciamo deve far sentire il nostro partner amato, rispettato e sostenuto..anche se la pensa diversamente da noi!

{ Add a Comment }

Come scegliere la gonna giusta per valorizzare il fisico

La gonna è uno degli indumenti più femminili che si possa indossare. Esistono numerosi modelli di gonne, ognuno contraddistinto da alcune caratteristiche. Come scegliere quella più adatta al proprio fisico? Ecco una piccola guida per scegliere la gonna giusta in grado di valorizzare le tue forme.

Come detto in precedenza esistono numerose tipologie di gonne e i differenti modelli mettono in risalto diversamente la forma del nostro corpo. Per scegliere il modello giusto è necessaria un’attenta analisi del nostro corpo. Se l’altezza non è il tuo forte, scegli gonne non lunghe. E’ perfetta per te, una gonna appena sopra il ginocchio, magari con uno spacco, il tutto da abbinare a un tacco che slanci la figura. Non eccedere con la lunghezza, perché una gonna troppo lunga accorcerà la tua figura ulteriormente. In presenza di vita larga bisogna indossare gonne che spostino l’attenzione sulle gambe. Lunghe o corte non fa differenza. Da evitare quelle decorate o con la cucitura a metà che invece fanno cadere l’occhio proprio sul punto debole.

Se hai un fisico a rettangolo, le gonne a palloncino fanno al caso tuo. Questi modelli valorizzano i fianchi e il punto vita anche per chi non è particolarmente formosa. Perfetta anche la minigonna a portafoglio per che esalta le gambe e rende sensuale la figura. Anche la gonna lunga si associa bene al tuo corpo. Con un fisico a clessidra puoi indossare gonne a vita alta che valorizzano il vitino da vespa e i fianchi generosi. Più difficile è la scelta per le donne formose e con un po’ di pancetta. Per mimetizzare i difetti e slanciare la figura bisogna indossare gonne dritte e svasate che si appoggino dolcemente sul corpo. Da evitare l’elastico in vita e i tessuti elasticizzati. Da evitare anche cinture, fantasie eccessive e pieghe. Se non hai caviglie sottili, indossa gonne lunghe, ampie e stivali sopra la caviglia.

{ Add a Comment }